Pulizia delle mani

Lavaggio corretto delle mani

L'importanza di una corretta igiene delle mani

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’80% delle malattie infettive viene trasmesso attraverso il contatto tra mani; il rischio di trasmissione delle malattie respiratorie diminuisce del 45% con un corretto lavaggio delle mani.
L’OMS stima che 40 secondi appena, un po’ di acqua, sapone e un asciugamano pulito sono più che sufficienti per proteggersi quotidianamente dagli agenti patogeni.
É quindi importante e fondamentale adottare un metodo corretto di lavaggio e asciugatura della mani.

 

Come bisogna lavare le mani

Utilizzare il metodo giusto è molto importante. Il sapone da solo non basta per rimuovere i batteri; è necessario:

  1. Bagnarsi le mani con acqua corrente
  2. Insaponare bene le mani
  3. Insaponare anche il dorso delle mani, i polsi e lo spazio tra le dita
  4. Sciacquare bene le mani con acqua corrente
  5. Asciugare bene le mani (anche gli spazi tra le dita), utilizzando sempre una porzione di asciugamano perfettamente pulita
Fasi del lavaggio delle mani

 

Misure di prevenzione per i luoghi di lavoro

Un documento del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali (Settore Salute) offre delle prime raccomandazioni per limitare le occasioni di contagio negli ambienti di lavoro. Ecco alcune delle raccomandazioni contenute al suo interno:

  • le mani vanno lavate frequentemente ( ed ogni volta che sia necessario, in particolare dopo aver usato i servizi igienici e prima dei pasti) con acqua e sapone o detergenti a base alcolica;
  • nel caso di lavaggio con acqua e sapone, va usata acqua calda e le mani devono essere strofinate per 15-20 secondi, usando poi asciugamani monouso, mentre nel caso di detergenti a base di alcol non va aggiunta acqua e le mani debbono essere strofinate tra loro fino a che non ritornino asciutte;
  • provvedere che ci sia sempre disponibilità di detergenti sul posto di lavoro;
  • in caso di tosse e starnuti, coprire bocca e naso con un fazzoletto, meglio se di carta usa e getta. Dopo, non dimenticare di lavare accuratamente le mani;
  • provvedere che i lavoratori con sintomi sospetti lascino prontamente il posto di lavoro (viceversa il lavoratore che avverta sintomi influenzali deve farlo tempestivamente presente al datore di lavoro;
  • provvedere affinchè siano fornite ai lavoratori informazioni esaustive sulla corretta prassi igienica, anche agli stranieri con difficoltà linguistiche;
  • mantenere sempre elevati gli standard igienici delle varie postazioni con periodici e costanti interventi di sanificazione